«Cari consiglieri, ecco perché aderire alla nuova procedura di riequilibrio»