Alessandro Marino, dialogo con il trascendente